L'artblog con gli occhi ben aperti sul mondo! *-*
Contattatemi se siete interessati all'acquisto di tavole originali...

QUESTO BLOG POTREBBE UTILIZZARE DEI COOKIES DI PROFILAZIONE, PROPRI O DI TERZE PARTI, LEGATI ANCHE ALLA PRESENZA DEI "SOCIAL PLUGIN". SE PER TE VA BENE, PROSEGUI PURE NELLA NAVIGAZIONE, ALTRIMENTI GESTISCI PER CONTO TUO I COOKIES CHE VUOI DISABILITARE. + INFO

domenica 28 febbraio 2010

Brendon

Queste sono alcune tavole di prova per Brendon, realizzate nel 2006.








Brendon è copyright Sergio Bonelli Editore. Tutti i diritti riservati.



Dicevo, era il lontano 2006.

   Dopo aver spedito questo plico di tavole (l’ennesimo di una serie quasi infinita) ad almeno ¾ della redazione Bonelli, mi ritirai nella Santoro-caverna coi sentimenti di chi oscilla sempre fra la speranza di essere ricontattato e la disillusione di essere rimbalzato (sempre per colpa di una una qualche strana variabile X). Sorprendentemente invece, dopo neanche una settimana dall'invio del pacchetto, ho ricevuto una bella telefonata proprio dalla redazione milanese. 
   Ora, soffermatevi un attimo su cosa possa significare, per uno come me, la telefonata dalla casa editrice per la quale avevo sempre sognato di lavorare sin da quando ero bambino. Significa uscire dal ghetto, significa la sicurezza economica, significa LAVORARE COI GRANDI.
   Ma non era certo il signor Sergio a telefonarmi e neppure un Chiaverotti tutto entusiasta che "entraafarparteassolutamentedellostaffdiBrendon" (a proposito, ho contattato Mr. Chiaverotti su FB cinque anni dopo e mi ha confessato che queste tavole le aveva viste praticamente l’altroieri PER LA PRIMA VOLTA... organizzazione impeccabile e puntuale, eh?). 
   
   Era invece un altro collaboratore della redazione (il nome non ve lo faccio) che aveva visto le tavole e le aveva apprezzate. Perciò voleva propormi di fare altre tavole di prova ma su un personaggio nuovo che mi avrebbero indicato loro e certo non su Brendon. Io ovviamente ho accettato con un certo entusiasmo: sapevo che nessun disegnatore viene preso “a scatola chiusa” e tutti (o quasi) entrano a far parte dello staff dopo aver fatto un tot. di prove. Stavolta poi erano stati loro a chiamare me e non viceversa… insomma, vedevo in tutta questa situazione una possibilità concreta di lavoro dopo tanti anni di sforzi e sacrifici. 

   Il signor x mi dice solo che devo pazientare qualche giorno perché devono mandarmi le indicazioni sul personaggio ed il pezzetto di sceneggiatura sulla quale basarmi per fare le prove.  Passa una settimana e non mi mandano niente né mi ritelefonano. Dunque li ricontatto io in redazione ma il signor x non c’è: “riprova fra qualche giorno” dicono. Passano due settimane ed il signor x non risponde neanche al numero di cell. personale che mi aveva precedentemente lasciato. In redazione prima mi dicono che è malato, poi che è in ferie. Passa ancora del tempo e non ricevo nessuna notizia.
   Capisco che di questo progetto non se ne farà più niente… o, più probabilmente, verrà “affidato” a qualcun altro. Ma per me ormai non fa nessuna differenza: l'entusiasmo lascia il posto ad una amara consapevolezza e la vaga impressione di averlo preso in culo.

   Ora, si possono fare mille ipotesi sul perché di questo comportamento. Io la mia idea me la sono fatta… ma tanto non ci sarà nessuno ad avvallarla o controbatterla.
   Secondo me il signor x aveva sì apprezzato le tavole, ma mi aveva anche contattato forse troppo frettolosamente e senza neanche consultarsi prima con i suoi “colleghi”. Colleghi che, evidentemente, o non apprezzavano il mio lavoro oppure avevano un interesse a dare la “precedenza” a qualcun altro. E quindi i signori professionisti del fumetto hanno preferito far passare tutto in sordina.

  Situazioni analoghe mi sono capitate diverse volte nella vita. Addirittura, circa un anno dopo, ho rivissuto un’esperienza simile per merito di altri due collaboratori della Bonelli (neanche di questi farò il nome - ma è gente di un certo peso nel settore) che, viste le tavole di prova inviate periodicamente in redazione, hanno deciso di contattarmi per farmi cimentare in un fantomatico progetto da proporre ad un editore francese.
Feci quelle tavole di prova, ma i due signori sparirono nel nulla... senza neanche uno straccio di spiegazione. 
   
Vedete, tutta questa storia... tutte queste strane dinamiche che vengono a delinearsi sono un po' il frutto di un certo modo molto italiano di agire, pensare e comportarsi.
   Io lo sintetizzerei così: "Poiché non conti un cazzo, noi possiamo permetterci di ignorarti, se ti diciamo qualcosa possiamo rimangiarcela e far finta di non averla mai detta, se ci accusi di qualcosa ficchiamo la testa sotto la sabbia e se proprio rompi i coglioni giochiamo a scaricabarile e alla fine ce ne laviamo le mani".
   
   La verità è che se fossi stato uno importante, uno coi soldi, o -al limite- una bella figa, nessuno si sarebbe mai azzardato a trattarmi come sono stato trattato (e potrei citare dozzine di altri incidenti del genere). 
Anzi: chissà in quanti sarebbero accorsi in mio aiuto invece, chissà in quanti mi avrebbero spalancato chissà quali porte, risposto alle mie domande, ignorato i miei sbagli, reso la vita più facile.

   


   
   







Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...