L'artblog con gli occhi ben aperti sul mondo! *-*
Contattatemi se siete interessati all'acquisto di tavole originali...

QUESTO BLOG POTREBBE UTILIZZARE DEI COOKIES DI PROFILAZIONE, PROPRI O DI TERZE PARTI, LEGATI ANCHE ALLA PRESENZA DEI "SOCIAL PLUGIN". SE PER TE VA BENE, PROSEGUI PURE NELLA NAVIGAZIONE, ALTRIMENTI GESTISCI PER CONTO TUO I COOKIES CHE VUOI DISABILITARE. + INFO

giovedì 20 agosto 2015

SKETCHETTINI D'ESTATE: SANDRA BULLOCK (rapid sketch)


[Premessa: l'argomento di questo post si riallaccia direttamente a quest'altro, più vecchio].
...


Una delle cose più difficili da disegnare, con pochi tratti e senza chiaroscuro, è un bel sorriso genuino (e realistico). Certo, sai che quando una persona sorride gli occhi assumono una determinata forma, la bocca pure, le sopracciglia vanno in certo modo (a seconda del tipo di sorriso), le guance salgono portandosi dietro le narici (determinando delle rughe dove prima non c’erano). E sai anche che non hai bisogno di avere un master in programmazione neurolinguistica per sapere che ciò che distingue un sorriso vero da uno falso, sono certamente gli occhi. Gli occhi sono sempre maledettamente importanti, non solo quando si sorride.
Ecco, sei stato attento agli occhi, alle sopracciglia al naso, alle guance, hai il tuo disegno (più o meno elaborato) fra le mani, eppure… eppure qualcosa non va. Non è comunicativo, non soddisfa.
Questo perché certe persone (certe donne, soprattutto) quando sorridono –eh, lo so, dirò una banalità- si illuminano dentro. Il loro sorriso diventa insomma quella famosa crepa dalla quale si intravede la luce¹ (interiore). 

E quella luce è dannatamente difficile da catturare.


Tutto questo per dire cosa?!? 
Che ho provato a rifare il sorriso furbetto e accattivante della meravigliosa Sandra Bullock², ma non ci sono mica riuscito :p .

Vabbè, magari la prossima volta…

note:
¹ cit. di Leonard Cohen
² Forgive me, Sandra.

1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...