L'artblog con gli occhi ben aperti sul mondo! *-*
Contattatemi se siete interessati all'acquisto di tavole originali...

QUESTO BLOG POTREBBE UTILIZZARE DEI COOKIES DI PROFILAZIONE, PROPRI O DI TERZE PARTI, LEGATI ANCHE ALLA PRESENZA DEI "SOCIAL PLUGIN". SE PER TE VA BENE, PROSEGUI PURE NELLA NAVIGAZIONE, ALTRIMENTI GESTISCI PER CONTO TUO I COOKIES CHE VUOI DISABILITARE. + INFO

domenica 18 ottobre 2015

IL RIDIMENSIONAMENTO (aka downshifting)


Siete troppo stressati dal lavoro? La situazione vi sta sfuggendo di mano? Ecco la facile soluzione: ridimensionatevi!
"se valete 10 sceglietevi un lavoro da 9 e ½, se valete 7, un lavoro da 6 e ½, ecc."


Questa è l'estrema sintesi di un articolo che pretenderebbe dimostrare, tramite una logica ferrea e implacabile, delle metodologie pratiche per limitare lo stress del lavoro e quindi migliorare sensibilmente la qualità della vita. Vi invito a leggere QUI il pezzo intero. Anzi, già che ci siete, date un'occhiata a tutto il sito: non sia mai troviate qualche altro consiglio utile a svoltarvi l'esistenza.

La prima impressione che quest'articolo suscita in una persona- non necessariamente ignorante- ma anche mediamente acculturata, è che sia davvero ben scritto e, apparentemente, esponga concetti che non fanno una grinza. Già: anche un individuo capace di leggere e interpretare un testo con ben più di tre righe (e pure abituato da anni a schivare trappole ideologiche e sofismi letterari di varia natura) potrebbe sentire la sua capacità di discernimento vacillare per un attimo davanti alle sirene motivazionali di tutto questo coaching da quattro soldi.

A me invece, tutta questa storia del downshifting ha fatto subito venire in mente delle scenette buffe. Mica tanto buffe, a dir la verità, e neanche tanto originali; però piuttosto efficaci. Efficaci nel senso che sono la perfetta esemplificazione delle mie personali obiezioni alla tesi dell'articolo.

E non mi è servita l'immaginazione, dato che basta guardarsi intorno e pensare a ciò che è oggi la realtà lavorativa italiana (cosa volete che ne sappia di come vive il lavoro, che so... un islandese- tanto per fare un esempio) e sottolineo REALTÁ, perché voglio riferirmi a ciò che il lavoro É per tante, troppe persone, e non cosa dovrebbe essere in teoria per gli economisti, i politici, i filosofi o la classe dirigente.   
 
Provate ad immaginare con me, qui, ora, il downshifting (e se sei un precario, senza futuro e senza speranze, ti viene pure meglio): 


-"Salve, sono un uomo da 6 e ½, massimo 7 . Mi dia un lavoro da 5 e ½".
-"Caspita, a guardarla bene non le avrei dato più di 4. Ma senza offesa, eh. Comunque, le posso dare un lavoro da 6. Che faccio, lascio?"
-" Vabbè, va... co 'sta crisi ci dobbiamo adattà. Però troppo stress. Fra un anno, massimo due, mi ridimensiono".


Questa era la scenetta. L'obiezione intrinseca nella scenetta è: ma chi cazzo è in grado di quantificare obiettivamente quanto vale lui e quanto vale il suo lavoro?

break fumettistico con Dilbert, di Scott Adams. Vignettina a tema...

E adesso provate ad immaginare questo:

un operaio lavora duramente nell'alto forno o alla catena di montaggio. Deve fare almeno otto ore ma alla quinta si è talmente rotto le palle che urla al suoi superiori: -"Faccio downshifting!"
Pianta tutto all'improvviso e se ne va. E i suoi superiori, che sono persone colte, moderne, comprensive e meritocratiche, non solo non lo cacciano, ma gli danno pure un aumento. Uno di loro addirittura gli dice:

-"Il lavoro non è mica tutto, no"? E fa pure una colta citazione: -"Lì fuori c'è una vita da vivere. biciclette da inforcare e orizzonti da esplorare¹".

Bravo. Bravo, Pavese! E soprattutto: un bravo a te, ignoto operaio/ciclista, che passi le giornate a scorrazzare verso nuovi orizzonti e ti becchi pure la tredicesima e la quattordicesima!.

altro break offerto sempre dal buon Dilbert.
La situazione lavorativa italiana, dicevamo. Ho usato il già abusatissimo cliché dell'operaio, come se fossimo ancora negli anni settanta, come se la classe operaia (che, lo sappiamo, non va in paradiso²) esistesse ancora, in questa povera Italia.

Ma sostituite l'operaio con qualsiasi altra categoria di lavoratore che lo stipendio se lo sudi per davvero e... dai, su, volevo solo far passare un concetto nella maniera più chiara possibile.

Perché l'articolo lascia sottintendere, in maniera piuttosto grossolana e superficiale (e probabilmente involontaria, pure) che, anche se non sei il figlio di qualche ministro o non hai ereditato la fabrichéta dal ricco papà, 
non solo puoi decidere se lavorare o meno, puoi pure decidere quante ore lavorare e quanto essere retribuito!.
E questa era la mia ultima obiezione, sbocciata insieme alla mia feroce incazzatura.

Sono Populista? Retorico? Scontato? Sicuramente. Ma soprattutto, ripeto, sono incazzato: Ho quasi quarant'anni, ho studiato, mi sono sbattuto come pochi al mondo e sempre per quattro soldi. Non ho fatto solo il fumettista o il grafico come molti pensano, in fabbrica ci sono stato, conosco la dura realtà dei Call Center e ho fatto anche diversi altri lavori. Ogni volta attestati di stima e pacche sulle spalle, ma ad ogni timida, piccolissima, educatissima, sporadicissima rivendicazione (se così possiamo chiamarla...) la risposta era sempre sul tenore: "Fly down ragazzo, c'è crisi, sei tanto bravo ma qui fuori c'è la fila, comportati bene, che ti sostituiamo quando ci pare". Insomma... è il mercato, baby. Bene. Ed altri che hanno studiato più di me? Che si sono presi una laurea in ingegneria, che hanno preso master e sborsato un sacco di soldi per corsi vari di perfezionamento? Ne ho visti molti lavorare a tempo determinato per 400/600 euro al mese per tre o sei mesi, costretti a spostarsi ovunque ed accettare qualsiasi condizione contrattuale (QUANDO e SE il contratto c'era) pur di lavorare, pur di fare esperienza, pur di portare a casa quei due soldi ed illudersi di essere indipendenti. Non ci si deve stupire se parecchi di loro alla fine emigrano. Spesso in Inghilterra, Germania o Francia per lavori più qualificati e meglio retribuiti (se paragonati agli standard italiani...) che però spesso comportano anche qualche problema d'integrazione con gli "indigeni", non sempre bendisposti verso gli italiani. Ma non divaghiamo.

Siamo incazzati? Siamo stressati? Certamente.
Ma una soluzione c'è, lo dice l'articolo! Quando le cose si mettono veramente male, dobbiamo solo ricordare che possiamo sceglierci qualsiasi lavoro ci piaccia, perché il lavoro è un hobby e non una necessità.
Se poi l'hobby non è più un hobby, ma diventa una cosa troppo impegnativa e stressante, niente paura, ci si ridimensiona, si fa il downshifting! E subito si torna in una dimensione della vita più libera ed umana. E non state sempre lì a pensare i soldi, che non fanno la felicità... cosa vuoi che contino i soldi, in una società capitalistica come la nostra?.

Ok, ormai avrete capito quanto quest'articolo mi abbia fatto arrabbiare. Il vero problema, però, è che non è neanche l'unico o il peggiore nel suo genere. Siamo circondati da cose così. Vengono dalla tv, dal web, dalla radio, dai giornali, dalle pubblicità, dagli slogan, dai fottuti meme di FB, dalle frasi motivazionali e/o autocompiacenti pescate a caso nella rete per finire nelle foto di  di tizie più o meno avvenenti e più o meno (s)vestite, che le sfoggiano sotto il naso del mondo come una specie di prestigiosa e ambita patente di rispettabilità.

Condividere contenuti per mascherare la totale mancanza di contenuti:
l'incubo orwelliano si è pienamente avverato ma non ce ne siamo ancora accorti, perché ci siamo troppo dentro.
   
La drammatica semplificazione della realtà, la cultura-discount e la psicologia spicciola in formato reader's digest, non sono altro che alcuni dei mezzi in mano al Vero Potere per creare sudditanza psicologica e ottenebrare la capacità di giudizio delle grandi masse.
Come con un sedativo somministrato cucchiaiata dopo cucchiaiata, giorno dopo giorno, siamo scivolati nel sonno senza neanche accorgercene; e adesso è rimasto solo lo stordimento e il torpore.
Chi nel frattempo si è accorto che la civiltà occidentale è giunta al capolinea e che quella che una volta era la medio borghesia ha partorito una generazione di schiavi e di falliti senza futuro (nel senso letterale del termine: gli italiani -perdonatemi l'ovvietà- non fanno più figli o al massimo fanno UN solo figlio) guarda la propria vita scorrere con inerzia, 
con rassegnata apatia, come se non gli appartenesse. Di tanto in tanto si incazza un po', borbotta, urla alla televisione, ma poi torna come prima. Prigioniero ormai della precarietà esistenziale nella quale è immerso, risucchiato dal vortice del lavoro (se ce l'ha) e dalle incombenze quotidiane, non è più neanche in grado di concepire progetti a medio o lungo temine: il suo futuro più remoto arriva massimo al dopodomani. Figuriamoci quindi se può far seguire un'azione eversiva di qualsiasi tipo alla sua tiepida incazzatura.
E tutti gli altri, invece? Continuano a guardare il grande fratello, si infervorano durante le partite di calcio, vanno alla sagra della salsiccia, continuano a credere nelle promesse del politico di turno, comprano smartphone sempre più potenti, chattano ininterrottamente, ridono coi comici di Zelig, vanno all'estero per fare i turisti a Sharm El Sheikh (o al massimo in Grecia), scattano vagonate di foto a prescindere da dove sono e cosa fanno (attività che nuoce al cervello, perché indebolisce la memoria e i legami emotivi sviluppati nei luoghi che visitano)... eccetera eccetera eccetera.

Ma di tutto questo ne parlerò in maniera un po' più approfondita in un altro post.


Concludo dicendo: ci credo che la psicologa di Confidenze sorride, come una vecchia zia bonaria, nel riquadro della sua sua rubrica. Con un'umanità ridotta ad un agglomerato di minus habens, pronti a ricevere degli imprescindibili cestini di saggezza ogni giovedì, ne ha ha davvero ben donde.

---------------------------------------------------------

note:
¹ Cesare Pavese, lettera a Giulio Einaudi:

A Giulio Einaudi, Torino.
Torino, 14 aprile 1942
Spettabile Editore,
Avendo ricevuto n. 6 sigari Roma – del che Vi ringrazio – e avendoli trovati pessimi, sono costretto a risponderVi che non posso mantenere un contratto iniziato sotto così cattivi auspici. Succede inoltre che i sempre rinnovati incarichi di revisione e altre balle che mi appioppate, non mi lasciano il tempo di attendere a più nobili lavori. Sì, Egregio Editore, è venuta l’ora di dirVi, con tutto il rispetto, che fin che continuerete con questo sistema di sfruttamento integrale dei Vostri dipendenti, non potrete sperare dagli stessi un rendimento superiore alle loro possibilità.
C’è una vita da vivere, ci sono delle biciclette da inforcare, marciapiedi da passeggiare e tramonti da godere. La Natura insomma ci chiama, egregio Editore; e noi seguiamo il suo appello.
Fatevi fare il Bini da un altro.
Cordialmente. C. Pavese

² Film: La classe operaia va in paradiso, di Elio Petri, con Gian Maria Volontè (1971).
Non l'avete visto? Male. Rimediate subito.



Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...